[MAI TERMINATA] Le guardiane degli elementi

Moderatori: Nonno-vor, mastermax, Saphira23, Daenerys, Wyarda, oromiscanneto, AnnaxD, Arya18, SkulblakaNuanen, blitz

RE: Le guardiane degli elementi

da VeroKya » 5 marzo 2008, 17:26

Chiarissima!!!
davvero brava ^^
...but why is the rum gone???
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Spadaccino
Cavaliere Spadaccino
 
Messaggi: 676
Iscritto il: 10 agosto 2007, 23:00
Località: Acqua...gondole...turisti... abito nelle immediate vicinanze di quella bella città...
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da ithil » 6 marzo 2008, 12:02

XXVIII capitolo 40-45° giorno
Solo dopo due giorni di viaggio Ithil riferì la verità sulle ancelle degli elementi.
Tutti furono sollevati nell’apprendere che potevano contare su esseri così potenti, o quasi tutti, dato che Telin non sembrava contenta.
“Cosa c’è, uccellino mio?” le chiese con dolcezza Nevin, suscitando lo sguardo di disapprovazione di Nenil.
“Quelle… creature” rispose lei “siamo sicuri che non ci siano ostili? Sono inflessibili con chi non rispetta le loro regole.”
Ithil si irritò e, pungente, rispose: “Sembra che non ti fidi di nessuno Telin! Impara a farlo, altrimenti ti ritroverai da sola… sempre che tu comprenda il significato di questa parola.”
Gli occhi di Telin si spalancarono e diventarono lucidi aveva compreso il riferimento implicito a Nevin, ed Ithil si pentì subito delle sue parole abbassando lo sguardo a terra.
“Non ti devi vergognare per ciò che hai detto Ithil” disse Nevin, poi puntò il suo sguardo d’acciaio su Telin, quasi a ricordarle la conversazione della notte precedente.
Lei arrossì d’imbarazzo e balbettò: “S… scusa Ithil, io mi fido di te. Il mio era solo un dubbio.”
“Sono io che ho avuto una reazione sproporzionata, perdonami. In ogni modo le ancelle degli elementi non ci sono ostili, ma rispettate sempre le regole che vi ho detto se dovreste incontrarne una.”
Ithil spinse il suo sguardo lungo l’orizzonte, il sole era già alto, dovevano sbrigarsi.
“Prendete i cavalli e andiamocene.” Ordinò.
Quando stavano per lasciare le sponde del lago Scuro, voltandosi per gettare un’ultima occhiata a quel luogo straordinario, Ithil scorse una figurina seduta su una roccia…
Sembrava una ragazzina; ma, nonostante avesse tratti infantili, gli occhi erano due laghi colmi di saggezza… i capelli della creatura ondeggiavano nell’aria come sottili fili d’acqua limpida…
“Undyn…” sussurrò Ithil, il tempo di un battito di ciglia e la Wateker scomparve, nessuno oltre ad Ithil l’aveva vista.
Dopo altri tre giorni di cammino il lago scuro scomparve definitivamente alla vista, ora il paesaggio era dominato solo dal rosso del deserto e dall’acqua limpida del Didlin.
Ithil era impressionata da quel paesaggio apocalittico. A perdita d’occhio si scorgeva solamente il deserto con le sue pietre rosso sangue, a nord c’era una foschia perenne che non permetteva di scorgere il monte Seth.
Sulla sponda destra del fiume Didlin, che in quel punto più che un fiume era un torrente, c’era poca vegetazione: arbusti, qualche abete sulle pendici delle montagne, cespugli… ma nessun animale. La vita in quel luogo sembrava in pausa, in attesa di qualcosa.
La cosa più straordinaria era il silenzio, non si udiva nessun rumore: l’acqua del fiume scorreva silenziosa, e gli zoccoli dei cavalli affondavano nella sabbia senza alcun suono.
È così irreale, non mi piace per niente… pensò Ithil.
Era quasi completamente buio, nonostante fosse passata da poco la sedicesima ora. Le immense montagne Senza Nome alla loro destra sbarravano la strada alla luce e la notte arrivava presto.
Controvoglia Ithil ordinò di fermarsi e di preparare qualcosa per cena…
L’umore era basso, se le giornate continuavano ad essere così corte, ci sarebbero voluti molto più di altri sei giorni di marcia…
Nonostante ciò la serata fu, tutto sommato, piacevole.
Poco prima di coricarsi Arien volle raccontare a tutti una leggenda degli uomini, ormai era una consuetudine ascoltarla sempre dopo cena, Arien era una narratrice fantastica…
Durante il racconto di Arien, Ithil ebbe la sensazione di essere osservata, scrollando le spalle, cercò di concentrarsi sulla narrazione, ma lo strano fastidio permase. Quando la voce di Arien si perse, Ithil scorse un movimento dietro un cespuglio.
“Vieni fuori!” ordinò imperiosamente, spaventando a morte i suoi compagni che non si erano resi conto di nulla.
Dal cespuglio giunse una risatina, prima flebile, poi sempre più forte fino a diventare decisamente sguaiata. La creatura si alzò in piedi, ed Ithil la osservò con attenzione mentre si avvicinava ancheggiando vistosamente. Era alta, quasi due metri e mezzo, gli occhi erano ombreggiati da lunge ciglia, che la creatura sbatteva continuamente in modo malizioso. Indossava una veste che lasciava poco spazio all’immaginazione, color verde acido. Aveva forme piene e perfette, si faticava a toglierle gli occhi di dosso. Infine Ithil notò che la creatura aveva lunghi capelli ondulati di uno splendido verde chiaro, il colore dell’erba appena spuntata.
“Una Jaerth… Xilian procurami una foglia concava, in fretta!” disse Ithil.
La guardiana della terra non se lo fece ripetere due volte: una splendida foglia comparve tra le sue mani, Ithil provvide a riempirla d’acqua fresca, poi, notando che la creatura fissava con insistenza Nevin, disse: “ Nevin, dalle questa.”
Telin, colta da una fitta di gelosia, fece per protestare, ma si azzittì. L’elfo da parte sua avanzò insicuro verso la Jaerth, la comparsa della creatura aveva suscitato in lui emozioni nuove, che con la loro forza l’avevano stordito. La creatura vedendo la foglia sorrise e la prese con delicatezza dalle mani di Nevin. Poi la vuotò tutta d’un sorso.
Vedo che conoscete le nostre regole, guardiani… la voce colse completamente impreparati i guardiani.
Ho incontrato una Wateker al lago Scuro, mi ha spiegato come comportarmi con voi. Pensò Ithil. Tutti poterono udire i suoi pensieri: la Jaerth aveva collegato le loro menti in modo che tutti potessero partecipare alla conversazione.
Bene, la vecchia Undyn sa ancora darsi da fare… rise la creatura.
Perché sei venuta qui? Pensò Telin e tutti percepirono il suo tono aggressivo.
Piccolina, questo bel giovanotto è il tuo fidanzato? Non farti prendere dalla gelosia, ogni vita maschile mi attrae, mi mostro per il puro piacere di essere ammirata e adulata. Ma gli uomini sono più bravi degli elfi in questo… sono più sensibili al mio fascino. Dopo questi pensieri la creatura diede un buffetto sulla guancia di Nevin, che arrossì, ma tutto ciò che poté guadagnare fu una gomitata di Telin.
Perché sei qui? Chiese nuovamente Ithil.
Mi è stata consegnato un messaggio per te, Ithil, un messaggio da parte di Fenor.
Nel sentire quel nome il cuore di Ithil ebbe un tuffo e lo stomaco le si riempì di farfalle: un messaggio da Fenor, allora non l’aveva dimenticata?
Come hai fatto ad averlo? Intervenne Telin che, evidentemente, non si fidava della Jaerth.
Fenor è al tempio di Seth, lì ha incontrato delle Xykhan. Quelle distruttrici di piante hanno riferito a un’Arkyan il suo messaggio, che è letteralmente volato fino a me… in questa zona siamo in poche, la vista del deserto ci priva della gioia, qui, poi, passano pochi umani e a me vengono fatti così pochi complimenti… intuendo che la Jaerth stava perdendo il filo del discorso, Arien intervenne:
Ma allora qual’è questo messaggio?
Uff… ora non ricordo lasciatemi pensare… era ti aspetto sul tempio, stai tranquilla… no! Forse era non ti aspetto… stai in guardia… no, nemmeno così! Ah, ci sono, eccolo: Seth ci ha condotti qui al tempio, molto probabilmente tenderemo un agguato a te ai tuoi compagni. Dovete stare in guardia! Poi ha aggiunto una cosa, una cosa un po’ personale rivolta solo a Ithil.
Puoi dirlo a tutti, non ho segreti con i miei compagni!
Dichiarò Ithil.
Se la metti così… ha detto che è innamorato di te! Che bello comunicare queste notizie, sono così felice che credo che mi metterò a ballare… detto, fatto, la Jaerth prese a danzare intorno ai guardiani, ma nessuno badò a lei.
Ithil era scossa da ciò che aveva detto la Jaerth: Fenor l’amava… era talmente bello che non ci poteva credere; ma le Ancelle, non potevano mentire.
Grazie di tutto Jaerth, ma ora vorremmo dormire, abbiamo ancora un lungo viaggio da affrontare. Pensò Xilian.
Mia signora, ogni suo desiderio è un ordine per me. Comunque il mio nome e Abyl. Poi con un inchino grazioso e un ultima carezza a Nevin, la Jaerth scomparve.
Tutti osservarono Ithil, ma la guardiana non mostrò nessuna emozione. Voltando le spalle ai compagni, finse di dormire, mentre una lacrima di pura gioia le rigava la guancia…


Aggiunto dopo 19 minuti:

lo sapete che sono andata a un incontro per la presentazione del nuovo libro di licia troisi e ho parlato con lei e ho anche il suo autografo? vi giuro che è una persona molto alla mano, davvero disponibile con i suoi fan!! WoW!
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Spadaccino
Cavaliere Spadaccino
 
Messaggi: 595
Iscritto il: 26 settembre 2007, 23:00
Località: dovunque si vedano le stelle
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da Alex27 » 6 marzo 2008, 13:42

brava........wow qnt ti invidio......adoro licia troisi.......è 1a dll mie scrittrici preferite!!!!!!!!!!!!
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1241
Iscritto il: 19 febbraio 2007, 0:00
Sesso: Femmina

Re: RE: Le guardiane degli elementi

da trikaja » 6 marzo 2008, 13:56

Alex27 ha scritto:brava........wow qnt ti invidio......adoro licia troisi.......è 1a dll mie scrittrici preferite!!!!!!!!!!!!


Quoto in pieno Alex!
Aggiungo solo un'altra montagna di complimenti e una buona dose di invidia....
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1008
Iscritto il: 25 gennaio 2008, 0:00
Località: Spersa...lontana...da tutto e da tutti
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da Marty » 6 marzo 2008, 20:39

nn posso che quotare con tt e due..
adoro licia troisi!!!!!!!!!! :O :O
cmq aggiungo che il pezzo è fantastico!
continua cosi! :applauso: :applauso: :applauso: :applauso:
Immagine Immagine
Avatar utente
Maestro Shur'tugal
Maestro Shur'tugal
 
Messaggi: 2679
Iscritto il: 6 febbraio 2007, 0:00
Località: Volterra...
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da VeroKya » 7 marzo 2008, 17:33

Quoto le ragazze!!!
brava e fortunata ^^
...but why is the rum gone???
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Spadaccino
Cavaliere Spadaccino
 
Messaggi: 676
Iscritto il: 10 agosto 2007, 23:00
Località: Acqua...gondole...turisti... abito nelle immediate vicinanze di quella bella città...
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da ithil » 10 marzo 2008, 10:23

XXVIII capitolo 40-45° giorno 2°parte

Passarono altri cinque giorni e la foschia non accennò a diminuire, benché ormai il monte Seth fosse molto vicino. Davanti a loro si estendeva una muraglia di fumo densa e impenetrabile.
Ithil decise di accamparsi nei pressi del fiume e attendere il giorno successivo per inoltrarvisi.
Il cielo era grigio, il sole oscurato da quelle esalazioni… il morale era a terra.
Ithil si incamminò verso una piccola insenatura del fiume decisa a pescare: grazie ai suoi poteri bastava chiedere all’acqua, e avrebbe potuto avere tutto il pesce che voleva. Questa almeno era la giustificazione ufficiale, in realtà voleva solo stare sola.
La guardiana dell’acqua, non si accorse di essere seguita.
Sedendosi sulla piccola spiaggetta sabbiosa, Ithil prese dalla borsa il medaglione che i signori le avevano donato: l’unico mezzo per sconfiggere Seth. Tenendolo tra le mani Ithil percepiva tutto il suo potere, il gioiello era splendido, formato da diamanti, zaffiri blu, acquemarine e smeraldi, sembrava brillare di luce propria.
“È bellissimo vero?” sussurrò Telin.
“Sì, è molto bello…” rispose lei riponendo il gioiello nella borsa.
“Posso?” chiese Telin indicando la spiaggia.
Ithil annuì con un cenno.
Dopo che si fu accomodata, Telin tentò di fissare gli occhi di Ithil, ma il suo sguardo sembrava perso in un altro mondo.
“A che pensi?” chiese dopo qualche minuto.
“A noi, Telin. A cosa sarà di noi quando tutto sarà finito. Seth imprigionato nel medaglione, l’equilibrio ristabilito, e poi? Gli uomini come reagiranno? Dovremo combattere? Difenderci?” rispose tutto d’un fiato, Ithil.
“Non so dirtelo. Sinceramente anch’io ho paura, Nevin non vuole dirmi cosa ha intenzione di fare se tutto finirà per il bene. Ho paura che mi abbandoni. Forse è addirittura sposato… in fondo non lo conosco. Tra di noi c’è un enorme differenze di età, sai? Lui ha quasi centocinquanta anni! Ti rendi conto? Sono un eternità, Ithil!” disse con voce accorata Telin
Ithil fissò per un attimo gli occhi di Telin, poi entrambe scoppiarono in una risata allegra. Improvvisamente si resero conto di essersi confidate per la prima volta, alla fine c’erano riuscite: erano diventate amiche.
Per tutto il pomeriggio Ithil e Telin rimasero lì sulla spiaggetta a raccontarsi tutto e niente…
Gli altri non si preoccuparono della loro assenza, poiché le loro risate erano talmente allegre, che giungevano fino all’accampamento, trasportate dal vento.
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Spadaccino
Cavaliere Spadaccino
 
Messaggi: 595
Iscritto il: 26 settembre 2007, 23:00
Località: dovunque si vedano le stelle
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da trikaja » 10 marzo 2008, 14:23

bellissimo anche questo nuovo pezzo!
Complimenti Ithil!
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1008
Iscritto il: 25 gennaio 2008, 0:00
Località: Spersa...lontana...da tutto e da tutti
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da Alex27 » 10 marzo 2008, 21:00

quoto kn trikaja............brava!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1241
Iscritto il: 19 febbraio 2007, 0:00
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da ithil » 11 marzo 2008, 11:41

:cry: :cry: :cry: commentate in poche... mi avete abbandonato?

XXIX capitolo 45-61°giorno
Quella notte nessuno riuscì a dormire, il fumo, nella luce del tramonto era diventato minaccioso, sembrava vivo, dotato di una propria volontà. Ithil e le sue compagne erano accampate a circa un chilometro dall’inizio della nebbia, ma il puzzo di zolfo e morte impregnava ugualmente l’aria, sembrava che Seth sapesse che loro stavano arrivando e riversasse il suo odio su quella massa grigia e uniforme.
Il pensiero di Ithil corse a Fenor, cosa sta facendo ora? Mi pensa?
Da quando aveva incontrato la Jaerth, in lei si era acceso qualcosa. Arien era stata la prima ad accorgersene: il suo colorito, sempre pallido, si era rianimato, mangiava con appetito, rideva e scherzava, a volte accennava anche a delle battute di spirito…
Ithil compreso che ciò che provava era sollievo e speranza. Le parole della Jaerth avevano rianimato la sua speranza… finalmente era certa che Fenor l’amava. E lei non voleva perdere la speranza, nessuna Nebbia gli avrebbe strappato via la convinzione che poteva farcela.
Naturalmente la notizia che i guardiani del Fuoco le stessero aspettando al tempio, non poteva rimanere senza conseguenze. Dal giorno della comparsa della Jaerth, Ithil aveva organizzato degli allenamenti quotidiani: appena svegliati, dopo pranzo e dopo cena. Si battevano tra di loro, cambiando sempre compagno per familiarizzare con i diversi stili di lotta.
Soprattutto per allenarsi, ma anche per il timore che la barriera di fumo suscitava, Ithil aveva deciso di trattenersi per altri due giorni sulle sponde del Didlin. Stranamente Telin aveva appoggiato la sua decisione. Anche lei ha paura del fumo, pensò Ithil.
Allenandosi Ithil apprese molto sui suoi compagni. La spada rimase la sua arma prediletta, ma scoprì che le piaceva lottare a mani nude con Yenha e tirare con l’arco con Telin e Nevin.
La sua avversaria preferita, però, era Nenil. Il suo strano bastone era un’arma straordinaria, ed Ithil imparò moltissimo. Per non essere in svantaggio contro di lei, imparò ad usare anche la sinistra e a cambiare mano nel corso del combattimento. Lo stile d’attacco di Nenil era molto particolare: benché Ithil fosse la spadaccina più abile di tutta la foresta, la prima volta che la affrontò venne disarmata nel giro di pochi secondi. Quando non combattevano, si esercitavano con la magia. Nenil e Nevin insegnarono a Ithil e alle altre una tecnica di meditazione propria del loro popolo.
Usare la magia richiedeva energia, quindi bisognava imparare ad immagazzinarla. Ithil imparò a concentrarsi e a scavare dentro di sé trovando un posto dove immagazzinare la propria energia, un “deposito” cui attingere quando ce ne fosse stato bisogno. Per ognuno di loro era un luogo diverso in base alle loro esigenze. Per Ithil quel luogo era il cuore. Come un muscolo non usato spesso il suo cuore si era come atrofizzato. L’amore per Fenor e l’amicizia dei suoi compagni avevano cominciato a sortire qualche effetto, ma non era abbastanza. Le lunghe sedute di meditazione Ithil le dedicava interamente alla cura del suo cuore, gli parlava, lo nutriva con la sua energia… in quei giorni la guardiana cominciò veramente a cambiare, anche fisicamente. Perfino il dolore per la morte della madre diminuì. Ithil non avrebbe mai dimenticato quelle lunghe sedute sola con se stessa e i propri sentimenti.
Il giorno di affrontare l’ignoto arrivò fin troppo presto. La mattina presto, tutto era pronto. Non tentarono di aggirare la barriera perché sapevano, grazie alle informazioni di Indis e Delvin, che la barriera si estendeva per circa dieci chilometri in lunghezza e trenta in larghezza, dall’alto si scorgeva solo la punta del monte Seth.
“Coraggio, non siamo arrivati fin qui per farci spaventare dalla Nebbia!” disse Ithil, ma dentro tremava di paura, quel fumo era malvagio… pericoloso.
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Spadaccino
Cavaliere Spadaccino
 
Messaggi: 595
Iscritto il: 26 settembre 2007, 23:00
Località: dovunque si vedano le stelle
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da Alex27 » 11 marzo 2008, 11:43

wow.........e ora?dai continua nn sto + nella pelle!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1241
Iscritto il: 19 febbraio 2007, 0:00
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da ithil » 11 marzo 2008, 11:52

vedi di rimanerci fino a giovedì. non posterò prima, ho voglia di fare un po' la [smilie=diablo.gif]
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Spadaccino
Cavaliere Spadaccino
 
Messaggi: 595
Iscritto il: 26 settembre 2007, 23:00
Località: dovunque si vedano le stelle
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da trikaja » 11 marzo 2008, 17:00

Anchio nn sto più nella pelle!
Fino a giovedì?
Spero solo per quel giorno di avercela ancora la pelle....avviso a tt però....se vedete della pelle aggirarsi tranquilla in giro...bè...non spaventatevi....è la mia....
Avatar utente
Cavaliere Anziano
Cavaliere Anziano
 
Messaggi: 1008
Iscritto il: 25 gennaio 2008, 0:00
Località: Spersa...lontana...da tutto e da tutti
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da Marty » 12 marzo 2008, 15:23

mamma era un secolo che nn commentavo!!!!!!!!!
mi sn rimessa a pari e,...cara...sn splendidi! :O :O :O
complimenti! ;)
Immagine Immagine
Avatar utente
Maestro Shur'tugal
Maestro Shur'tugal
 
Messaggi: 2679
Iscritto il: 6 febbraio 2007, 0:00
Località: Volterra...
Sesso: Femmina

RE: Le guardiane degli elementi

da VeroKya » 12 marzo 2008, 16:57

bellissimoooo! :O
brava Ithil!!! ^^
...but why is the rum gone???
Immagine
Avatar utente
Cavaliere Spadaccino
Cavaliere Spadaccino
 
Messaggi: 676
Iscritto il: 10 agosto 2007, 23:00
Località: Acqua...gondole...turisti... abito nelle immediate vicinanze di quella bella città...
Sesso: Femmina

PrecedenteProssimo

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron
CHIUDI
CLOSE