Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

Moderatori: Nonno-vor, mastermax, Saphira23, Daenerys, Wyarda, oromiscanneto, AnnaxD, Arya18, SkulblakaNuanen, blitz

Desiderate che,una volta terminato il racconto,aggiunga una pagina speciale con le curiosità su di esso?

14
82%
No
3
18%
 
Voti totali : 17

Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

da Okamikage » 26 febbraio 2011, 12:46

Elva97 ha scritto:
Se due creature totalmente diverse dal punto di vista biologico non possono avere rapporti,perché,perché allora fare in modo che si possano amare?


WoooW!!! ma da dove diamine le prendi tu stè frasi???? Sono davvero belle!
Chap magnifico! Bravo!
Domanda che forse non ricordo adesso : Ma come faranno ad uscire?


Non l'ho ancora detto come fanno ad uscire,ecco perché non te lo ricordi :)

Aggiunto dopo 1 minuti:

SarAryA ha scritto:ehi questo è uno dei chap più spettacolari che hai scritto fin'ora!!
sono tuttistupendi ma questo... :innamorato:
sei un mago, con quello che scrivi riesci a incantarmi e a farmi tornare il sorriso anche oggi dopo tutto quello che è successo!!
sei un mito!!! sei il mio mito ;)

continuaaaaaaaaaaaaaa


Grazie!!!!
Ma..."dopo tutto quello che è successo" hai detto...è forse successo qualcosa di sgradevole? O.o
Se vuoi dirmelo,scrivimelo per MP,almeno non legge nessun'altro...

Aggiunto dopo 2 ore 2 minuti:

Senza aggiungere una singola parola in più a quella conversazione,Dispater si alzò e si avvicinò a Krònos.
<<E' l'ora di andare.>>
Il Titano non rispose,annuì con un semplice gesto.
Takeshi era fermo e si intorno,come se tutto scorresse a rallentatore.
Si sentiva stanco.
<<Aiuto!>>
Era Saya.
Immediatamente,il dio fece saettare gli occhi verso di lei.
Gli enormi Uccelli del Tuono le stavano vicinissimi,non più in volo,ma calpestando il suolo con le loro zampe possenti.
In mezzo ai volatili,accanto alla ragazza,Dispater intravide qualcuno.
<<Chaac!>> esclamò sorridendo.
Il mezzo rettile lo guardò e ricambiò il sorriso.
Quell'espressione calma era innaturale sul volto di due Divinità così...strane nell'aspetto.
<<Non temere,piccola mia! Gli Uccelli sono di Chaac,non ti faranno del male,se c'è lui lì con te.>>
Istintivamente,la fanciulla strinse il braccio della Divinità Maya.
<<Hey,che fai,mi freghi la ragazza?>> brontolò Dispater.
<<Veramente sono qui per portarvi al Terzo Girone....>>
<<Ah...>>
Chaac si sentì imbarazzato. Davvero Dispater pensava che lui cercasse di portargli via la sua protetta...?
<<Emh...comunque....camminiamo. Ho aperto una Cenote più avanti,passeremo da lì...Dobbiamo solo sbrigarci un po',perché tra poco la pozza d'acqua sacra si richiuderà. Sai,nel Tartaro non si possono aprire passaggi dimensionali così,come se niente fosse...>>
Dispater gli si avvicinò e gli poggiò una mano sulla spalla.
<<Hai ragione,amico mio. Andiamo.>>
<<Guida tu il gruppo. La Cenote si trova alla fine del corso del Lete. Io devo dire una cosa alla ragazza.>>
Saya guardò istintivamente Chaac.
<<Il Lete...?>>
<<E' un fiume dove,chi vi si immerge,dimentica tutto quello che sa fino al momento dell'immersione stessa. La mente viene letteralmente ripulita da ogni singolo ricordo. Occhio a non caderci,quindi.>>
Lei deglutì.

Camminavano di buon passo,vigilati dai volatili del Dio mezzo rettile.
Questo stava qualche passo indietro con Saya rispetto a Krònos,Takeshi e Dispater.
<<C'è una cosa di estrema importanza che credo sia bene che tu sappia. Considerala il mio premio per il tuo coraggio. Ma sia chiaro : dovrai saperla solo tu. E' una questione sconosciuta agli Dei stessi,anzi,forse è l'unica cosa che loro non sanno...>>
La ragazza ricollegò istintivamente un discorso che aveva fatto con Dispater poco dopo aver saputo che era un Dio.
"A dire il vero,neanche noi sappiamo da dove veniamo,se c'è qualcosa o no che ci ha creati..."
Era più o meno quello che le aveva detto.

<<Saya -disse il Dio,interrompendo il flusso dei suoi pensieri- come pensi siano nati gli Dei?>>
Allora era davvero quello che Chaac voleva rivelargli...
<<Be'..-rispose temporeggiando lei-...gli Dei hanno creato il nostro Mondo,e...>>
<<No,signorina. Non hanno creato un bel niente. Vigilano sull'operato umano e decidono il destino delle anime nell'Oltretomba,questo è vero. Se vuoi,combattono anche le paure degli esseri umani,come quella Morte,o della solitudine.>>
Quelle parole lasciarono Saya in uno stato mentale confusionario.
<<E...e allora?>>
Chaac inspirò profondamente.
<<Da che Mondo è Mondo,voi uomini avete sempre avuto profondi interrogativi sul significato della vostra esistenza,sulla creazione del vostro Pianeta,su cosa c'è dopo la fine della vita terrena...su fenomeni che non sapevate,o non sapete,spiegarvi. La vostra mente,più evoluta rispetto a quella degli altri esseri viventi,era dotata di un'immaginazione straordinaria. Avete cominciato prestissimo ad attribuire tutte quelle cose alla quale non sapevate dare risposta all'opera di creature ideali,superiori,immortali. Ma,davvero,quelle stesse creature a cui voi avete ceduto questo potere assoluto...non esistevano.>>
Saya non capiva. Non capiva dove quel Dio volesse arrivare.
<<Signorina,la paura,i pensieri,i desideri....sono tutti causati da particolari onde cerebrali o reazioni chimiche che avvengono all'interno del nostro corpo. Si può dire,pertanto,che essi sono MATERIALI. Inoltre,come ben saprai,l'autocondizionamento può portare a fare cose delle quali nemmeno sospetteremmo l'esistenza. Può avere ripercussioni somatiche incredibili. Ora,in alcuni esseri umani,o meglio,in alcuni antenati del genere umano,il desiderio di essere perfetti e potenti come gli Dei,immortali,li hanno spinti a modificare la loro esistenza,sia mentale che biologica,a tal punto da farli vivere molto,molto più dei loro simili. Convinti in maniera estrema di essere Divinità scese in Terra,essi pensavano di avere qualità come l'immunità a malattie e ferite,così...>>
Saya cominciava a capire. E riprese lei il discorso.
<<Così potevano vantare una forza e una resistenza superiori....solo perché loro ERANO CONVINTI di essere creature supreme.>>
<<Sì...e,come per voi umani,anche in noi c'è stata un'evoluzione. Avendo assunto quei caratteri di superiorità a livello genetico,ci perfezionavamo,diventavamo sempre più perfetti. Derivando dalla razza umana,avevamo un'etnia di appartenenza. Ascoltavamo i desideri delle creature umane,e procreavamo Dei su loro richiesta,anche se essi erano convinti che questi fossero sempre esistiti. Ci siamo adattati. Io,per vivere nelle Cenote,sono stato concepito mezzo rettile,Dispater,essendo una Divinità che gestisce l'Oltretomba è stato creato come un'inquietante scheletro,e via dicendo...>>
<<Non è inquietante...>> brontolò la fanciulla.
Chaac sorrise.
<<Vedi,però,non tutte le leggende su di noi sono vere. Alcune,come Zeus che era un infedele,non possono essere reali per principio.>>
Saya capiva benissimo.
<<Perché,durante l'evoluzione,voi vi siete diversificati da noi. Non avete la nostra stessa natura.>> notò lei.
<<Esatto. Quindi,Zeus non poteva procreare con quelli della vostra razza.>>
<Dispater mi aveva detto che sono stati gli Dei a presentarsi agli umani...>>
<<L'hanno fatto,ma solo DOPO che qualcuno aveva cominciato ad immaginare la forma ed il nome dei nuovi nascituri immortali. Presentarsi è stato un modo di..."ufficializzare"...>> precisò ridacchiando.
<<Quindi - riprese Saya - è stato così per voi,come per i Demoni...?>>
<<No. I Demoni sono stati creati da noi per punire le Anime nell'Oltretomba. Però,alcuni di loro si sono ribellati e hanno tentato di accedere al regno umano per prenderne possesso.>>
<<Che mi dici dell'Eterocosmos...?>>
<<L'Eterocosmos è un luogo che abbiamo plasmato poiché non potevamo più vivere allo scoperto tra di voi. E poi,in questo regno ultradimensionale possiamo agire liberamente senza sconvolgere la Natura terrestre.>>


[[CONTINUAAAAA]]
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

da Okamikage » 26 febbraio 2011, 17:05

<<Tu...tutte queste cose,come le sai?>>
Chaac chiuse gli occhi.
Quella domanda lo stava riportando indietro nel tempo,molto,molto indietro.
<<Vedi,quando i Conquistadores cominciarono a reclamare i luoghi appartenenti ai Nativi,loro cominciarono a smettere di credere in noi Divinità. Pensavano che non li proteggessimo più.>>
<<E invece...?>>
<<Gli Dei non agiscono direttamente sulla vita degli esseri umani,ragazza. Non possono farlo,semplicemente perché così ognuno evocherebbe i propri Numi protettori per conquistare il resto del Mondo ed unificare tutto in una sola,grande etnia suprema. Se noi entrassimo in gioco,tutto si concluderebbe con la distruzione stessa del Pianeta.>>
<<Ma...la tua gente aveva bisogno di te...ho studiato che erano persone molto semplici e sagge,non conoscevano nemmeno l'uso dell'oro come metallo prezioso...>>
<<E' vero. Ma se noi li avessimo protetti,altri Dei si sarebbero messi in mezzo per contrastarci,e così saremmo tornati esattamente punto e da capo.>>
<<Gli Spagnoli non erano cristiani...? Avevano un solo Dio...voi eravate in tanti...>>
<<Il Dio dei Cristiani è una Divinità relativamente giovane e priva di potenza bellica. A dire il vero,nemmeno fu creata,da quanto superflua sia stata ritenuta la sua esistenza,sarebbe stato un po' come mettere tra voi umani un unico,grande dittatore pacifista che avrebbe abolito ogni forma di polizia e controllo,lasciando spazio agli sciacalli e ai criminali.>>
<<Quindi...certe religioni sono infondate e inesistenti?>>
<<Sì. Il Cristianesimo,il Musulmanesimo...tutto questo non è stato creato per inutilità di principi. Una religione,invece,alla quale non venne data importanza a livello storico-mitologico,ma ha portato alla nascita di una neo-divinità,fu quella Illuminista.>>
<<La Dea-Ragione??>> chiese sorpresa la fanciulla.
<<Bravissima. La Dea-Ragione fu creata allo scopo di proteggere le capacità intellettive degli esseri umani,ma soprattutto...non capendo noi stessi da dove venivamo,il Consiglio degli Dei che dette vita a quella Divinità,lo fece affinché la vostra razza potesse fornire una spiegazione logica all'esistenza della specie divina. Ma torniamo alla tua domanda iniziale...>>
Saya ascoltò attentamente ciò che Chaac le stava rivelando,una verità di enorme peso,forse l'unica congiunzione tra due Dimensioni così diverse.
<<Quando la nostra gente smise di credere in noi,alcuni miei simili morirono. Non capivamo il perché,ma poi decisi di recarmi nel Tartaro e chiedere a Krònos di mandarmi indietro nel tempo,alla nascita dell'uomo. Lui mi chiese in cambio la libertà,ma io patteggiai con la concessione di una condizionale sulla sua liberazione...appunto,solo chi aveva il potere di uccidere un Dio avrebbe potuto strapparlo alla sua prigionia. Tornato indietro,vidi tutto,e capii il perché della Morte dei miei compagni. Noi non abbiamo ragione di esistere senza gli esseri umani. Quando un Dio viene dimenticato TOTALMENTE,e cessa di esistere anche nella Mitologia,esso perde la sua consistenza materiale. Le statue di quelle Divinità decedute,il loro culto ed ogni loro traccia venne data alle fiamme.>>
<<Quindi...quando noi ci estingueremo...>>
<<Sì...vi seguiremo a ruota. Brucieremo in un unico,grande Inferno.>> Chaac sorrise.

<<Nooo!>> l'urlo di Dispater interruppe l'atmosfera.
Erano arrivati ala Cenote,ma qualcosa non andava. Saya si scorse per vedere.
Anubi,Tanatòs e gli altri due Dei minori che aiutavano Dispater nella gestione delle Anime,si trovavano lì,sotto forma di spiriti malconci e mezzi divorati.
Anubi andò d'innanzi al Dio degl'Inferi.
<<Sono felice che tu ce l'abbia fatta a tornare completo. Purtroppo,prima del tuo ritorno quei tarantoloni ci hanno appeso al muro e divorati vivi. Dovrai trovarti altri aiutanti,amico mio.>>
E' un sogno,è un sogno. pensò Dispater.
No,non lo era. Non era nient'altro che una delle tante dannate sorprese di una guerra irreale. Dispater si sentì felice di aver polverizzato quella zoccola di Aracne.


RITORNO ALL'OLTRETOMBA, TERZO GIRONE

Sospirando,Chaac salutò ancora una volta Takeshi,la ragazza e Dispater.
Krònos scese invece verso l'Erebo. Disse che avrebbe navigato lo Stige fino alle viscere della Terra,dove si sarebbe stanziato per sempre,lontano dagli Dei,lontano dal Tartaro,lontano da tutto.

Erano di nuovo loro tre.
Takeshi mise in guardia i suoi compagni.
<<Bene,qui allora dovrebbero essersi stanziati i grandi conduttori della Storia.>>
Il Dio si stiracchiò,poi ripartì col suo tono sarcastico,quello che aveva quando era in possesso di un corpo più umano.
<<Oookay,allora ci aspettano Faraoni e Tiranni! Forza e coraggio!>>
Le buone notizie non finivano mai.


[[CONTINUAAAA]]
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

da Okamikage » 27 febbraio 2011, 0:29

Il Terzo Girone sembrava un luogo quasi terrestre : era il Tramonto,c'erano due Soli nascosti timidamente dietro le grandi valli che circondavano tutta la zona,un odore debole di erba.
Urla spaventosamente forti echeggiarono in quel posto che,fino ad allora,era stato decisamente tranquillo.
Saya si piegò istintivamente sulle ginocchia e scrutò la zona circostante,senza riuscire a vedere però niente.
<<Che diavolo è?? Sembrano...sembrano...>>
<<Sono grida di guerra,Saya. E' l'esercito di Ramesse II che combatte in eterno contro quello di Muwatalli II,re degli Ittiti.>>
Saya sgranò gli occhi.
<<LA BATTAGLIA DI KADESH???!>>
<<Sì! Vedo che hai studiato molto bene storia!>> disse compiaciuto Dispater. Sembrava non aver perso quello spirito da professore che aveva quando le insegnava all'Università di Osaka.
Come ombre,come antichi ricordi,sulle colline apparvero schiere di uomini che si correvano incontro l'un l'altro.
Uno di loro gridò qualcosa di incomprensibile. Tutti i soldati,tutti tranne uno,batterono in ritirata. Il plotone rivale,però,continuava ad avanzare.
<<Le truppe egiziane,decimate,fuggirono,ma Ramesse...cioè,l'unico che che vedi ancora andare all'attacco dalla parte sinistra,si fiondò in battaglia da solo,rianimando gli spiriti dei suoi guerrieri,caduti in una trappola,e vincendo così la battaglia di Kadesh.>>
Saya aggrottò le sopracciglia,poi fece notare al Dio una cosa estremamente importante.
<<Guarda,che non stanno andando l'uno contro l'altro,si stanno dirigendo qui...>>
Takeshi si preparò a combattere,urlando a sua volta.
<<Banzaaaaaai!>>
<<Takeshi,ti sembra il momento...?>>



[[CONTINUAAAA]]

Aggiunto dopo 4 ore 46 minuti:

Qualcosa bloccò i soldati.
Per un attimo,Takeshi pensò fosse stato il suo grido di battaglia a paralizzare le truppe,poi si disse che era un'idea troppo stupida per essere plausibile.
Avevano forse riconosciuto Dispater...?
No. Degli Dei se ne sbattevano altamente,quella era una guerra aperta alle Divinità.
E allora....?
<<Saggittae paratarum sunt!>>
La ragazza riconobbe quella lingua.
<<Latino?>>


[[CONTINUAAA]]
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

da Okamikage » 27 febbraio 2011, 13:44

Dispater sapeva benissimo di chi era quella voce.
Si voltò indietro.
Una schiera d'arcieri era pronta nelle ultime,immense fila di un imponente esercito.
Nelle righe principali stavano soldati con grandi scudi rettangolari e aste ben lavorate.
Erano gli uomini dell'Imperatore Claudio.
<<Siamo fortunati.>> disse il Dio.
Quel Comandante era uno dei fedeli di Dispater. Era morto avvelenato,e il Dio gli aveva promesso che avrebbe cercato un modo per fargli prendere la rivincita sul suo assassino nell'Oltretomba.
Saya strinse la mano del Nume.
<<Ma non basti tu a fermare questi qui da solo? Sei di nuovo un Dio,ora.>>
Lui rimase un attimo a pensare,poi guardò con quelle sue fiammelle rosse la ragazza dritta negl'occhi.
Se sarebbe potuto arrossire,lo avrebbe fatto.
In un certo qual modo,si era abituato ad agire più "umanamente".


[[CONTINUAAA]]
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

da Okamikage » 27 febbraio 2011, 23:05

Claudio abbracciò Dispater. L'esercito dell'Imperatore era nettamente superiore a quelli dei Medio-Asiatici. Non aveva senso per loro combattere.
<<Mio Signore,ho trovato chi mi ha tolto la vita.>>
<<Davvero...?>>
<<Sì. Era chiamata "La Locusta Avvelenatrice". Dopo la mia morte,fu giustiziata. Prima di ucciderla,la fecero violentare da una giraffa appositamente addestrata. Ma a me questo non è bastato,no. Ho voluto punirla anche in questo Mondo. Mi ero preparato anche al tuo ritorno,oh Grande! E così,ho deciso di sottoporre la Locusta a domande ben studiate,affinché tu possa sapere cosa ti aspetta nell'ultima cerchia degl'Inferi....lei viene da lì...sai bene a quale mi riferisco,no...?>>
Dispater respirò profondamente.
<<A quella degli Assassini Seriali.>>
<<Sì,sì,Signore! E' la più pericolosa,quella mai caduta in mano ad altri Demoni proprio a causa della spietatezza delle Anime corrotte dal gusto perverso dell'omicidio senza ragione! Se tu avessi tardato ancora un po' a venire,mio Signore,a quest'ora avrebbero già conquistato tutto l'Oltretomba!>>
<<Ci sono solo due motivi per i quali hanno dovuto aspettare. - disse pensieroso Dispater - Io sto andando là,Claudio. Quando avrò calmato le acque nell'Ottavo Girone,sarà tutto finito,dato che nel Nono si trovano gli Spiriti dei Coraggiosi. Quelle sono Anime giuste,non hanno bisogno che io risistemi le cose nella loro Cerchia.>>
<<Le cose qui le terrò sotto controllo io col mio esercito,oh Grande!>>
<<Mi fido di te,glorioso Imperatore.>>
Il Dio batté una pacca amichevole sul braccio di Claudio.
Poi si voltò verso i suoi compagni.
<<Ancora qualche sforzo. Ancora qualche sforzo,e sarà tutto quanto finito.>>
Anche Dispater,seppur vantava la dote di essere una Divinità,si sentiva stanco.
E poi,voleva far tornare Saya al sicuro sulla Terra il più presto possibile.
La paura che le accadesse qualcosa era terribilmente forte.


[[CONTINUAAAA!]]

*CURIOSITA' SUGLI ULTIMI CAPITOLI SCRITTI : La "Locusta Avvelenatrice" è stata la prima Serial Killer a livello storico. Omicida per professione,agì a ROma nel I Sec. D.C.
Le si attribuisce la fama di aver avvelenato con dei funghi l'Imperatore Claudio,sotto ingaggio della moglie di lui,Agrippina. Dopo la morte di Claudio,Nerone,figlio di Agrippina,sarebbe asceso al trono al posto del padre. La Locusta Avvelenatrice fu realmente giustiziata nel modo descritto da me nel mio racconto : stuprata pubblicamente da una giraffa addestrata a questo fine. Poi,fu uccisa. Forte,eh? ;)
Ramesse II,invece,fu particolarmente celebre,oltre che per il suo coraggio di condottiero,per una fatto particolarmente curioso....sembra avesse la bellezza di quasi 100 figli,avuti da innumerevoli mogli. Un po' porco l'amico,no? XD *
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

da Okamikage » 28 febbraio 2011, 15:49

QUARTO GIRONE

Saya si guardò attorno. Vide molti uomini malconci camminare a passo lento e indeciso verso di lei.
Sanguinavano.
C'era un forte odore di marcio nell'aria.
<<Non avvicinarti.>> l'avvisò Dispater.
La ragazza si teneva una mano davanti alla bocca per evitare il più possibile di inspirare quell'odore nauseabondo.
<<Perché? Hanno qualche malattia strana? Sembra stiano male...>>
<<No,non hanno nessuna malattia. Sono solo dei Revenant.>>
<<Come?>>
Takeshi si accorse che quegl'esseri malridotti li stavano accerchiando.
<<Sono Anime dei morti che qualcuno,o qualcosa ha fatto tornare...in "vita".>>
La fanciulla rimase in silenzio.
Aveva capito di cosa si trattava.
Zombie.
<<Fammi capire,Kami-sensei,questi affari che cadono a pezzi anche solo a guardarli hanno conquistato il Quarto Girone?>>
<<No....qui venivano punite le anime degli infedeli e degli ipocriti. La loro condanna era una fame eterna di un cibo che non avrebbero potuto trovare mai. Un'altra creatura più potente deve aver sfruttato questo lato per farli diventare quello che sono. E ora,vogliono la tua carne.>>
<<PROPRIO LA MIA?!>> gridò isterica Saya.
Il Dio sorrise sarcasticamente.
<<Be',io ora sono tutto un'osso,Takeshi è un fantasma...con noi non ci mangiano molto,eh...>>
<<Fa' qualcosa!!>>
Dispater,con tutta calma,fece roteare tra le mani la sua falce. Quindi,la piantò davanti alla studentessa.
<<Prendila e massacrali. Sono mortali. Io cerco il vero responsabile di tutto questo. Takeshi? Vieni con me?>>
Saya sembrò contrariata,ma si fidava di lui. Se Dispater le aveva detto di fare così,significava che lei poteva vincere tranquillamente,
Decisa,afferrò l'arma del Dio.
Un grande senso di debolezza la pervase,e cadde con le ginocchia a terra.
<<Uh-oh...scusa piccola mia..alla mia falce non piace farsi impugnare da altre persone...ci dovrà prendere un po' l'abitudine a te...>>
<<Vuoi dire che quest'arnese è vivo?!>>
<<Più o meno...>>
<<Tu e le tue stramaledette armi!>>

[[CONTINUAAAA]]
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

da Okamikage » 28 febbraio 2011, 16:58

Saya si fece forza,si rimise in piedi e strinse l'arma divina.
La schiera di Zombie era sempre più vicina.
Dispater ha detto che questi sono coloro che hanno tradito chi li amava. Costoro sono ipocriti,viscidi esseri che nemmeno dovrebbero avercela un'anima.
Caricata di pensieri d'odio,la ragazza di gettò con un urlo impetuoso verso quelle schifose creature.
Mentre affettava i loro corpi con la falce,vedeva le loro pustole colare pus,vedeva le loro carni in putrefazione,sentiva quel fetido odore inquinare l'aria che respirava.
I morti viventi non reggevano sotto i fendenti della fanciulla,cadevano a terra e non si rialzavano.
Qualcuno di loro che lei tagliò a metà,oltre a rimanere immerso nel suo stesso,scuro sangue,sguazzava in un liquido marcio,verdastro e denso.
Saya cominciò a sentirsi trasalire,qualcosa stava accadendo dentro di lei.
Ad un certo punto,il suo corpo iniziò a muoversi da solo. Lei assistette,all'interno della sua mente,da mera spettatrice.
La sua furia crebbe esponenzialmente,le energie che aveva sentito di perdere le tornarono di colpo una,dieci,centomila volte più chiare e forti.
Era veloce,colpiva rapidamente e con precisione estrema i suoi avversari.
Li sterminò nel giro di pochi secondi.
Ma non si sentiva ancora soddisfatta.
Voleva uccidere,uccidere ancora. Voleva uccidere qualcosa di grande,di pericoloso,non quelle creature inutili.
E l'occasione arrivò.
Dispater e Takeshi correvano verso di lei.
<<Saya,dammi la falce.>>
Ma la ragazza si rifiutò.
<<Dammela,ho detto! Ho trovato il perché degli zombie,rendimi la mia arma,devo sistemare delle cose...>>
<<Ci penso io!>> gridò più rabbiosa lei.
Takeshi guardò Dispater.
<<Merda,Takeshi! E' caduta sotto l'effetto!>>
<<Che effetto?!>> ringhiò lei,con un sorriso sadico dipinto in volto.
<<Le armi divine,dopo un po' che si usano,rivelano ed amplificano esponenzialmente le principali qualità dei mortali. Sembra che tu abbia delle ottime doti guerriere...>>
<<E allora lasciamela,mi sento benissimo!>>
<<Saya,non capisci...non puoi impugnare per tanto tempo qualcosa che non è proprio del tuo Mondo,la differenza molecolare può essere mortale...!>>
Per un attimo,la ragazza sembrò destarsi dal suo stato di trans.
Fece per lasciar cadere la falce,ma la impugnò di nuovo saldamente quando,davanti a lei,si presentarono due bestie colossali e imponenti.
Takeshi se ne accorse immediatamente.
<<Dispater,sono arrivate...>>
Il Dio si voltò di scatto.
Erano il Leone di Nemea e l'Androsfinge di Giza.
Il primo aveva una pelle invulnerabile a qualsiasi arma mortale,la seconda era un gigantesco leone con la faccia di un essere umano.
<<Finalmente - disse eccitata Saya - due degnissimi avversari...>>
Le sue pupille erano dilatate dalla felicità per la battaglia oramai prossima.
<<Sei un essere umano,Saya,non scordartelo. Se combatti,potresti morire.>>
<<Sono qui per aiutarti o no? E allora lascia fare qualcosa anche a me.>>
Le bestie balzarono immediatamente verso di lei,avendo individuato nella giovane donna la creatura più vulnerabile fra i tre.
Saya scattò in avanti,conficcando la lama della falce nella carne del Leone.
Tentativo inutile.
Il colpo vi rimbalzò letteralmente sopra.
<<Dannazione,Dispater,fa qualcosa!>> sbraitò Takeshi.
Il Dio pensò ad una soluzione : non gli bastava desiderare che quei mostri sparissero e basta,c'era un accordo tra lui e gli Dei che avevano creato le bestie.
Il Leone era stato mandato millenni prima da Era perché uccidesse Eracle,mentre le Sfingi erano state create dagli Dei egizi per proteggere le Piramidi dei faraoni defunti.
Il patto prevedeva che nessun Dio,né per odio né per necessità,facesse del male a queste creature.
Così,non vedendo in questo nessun pericolo,alle Divinità era stato tolto il potere di muovere azioni contro creature da loro stesse generate.
Non si era prevista nemmeno l'ipotesi di una creazione imperfetta,dato che,per definizioni,gli dei non commettevano errori.
Ma Saya era più importante di qualsiasi patto.
Saya era tutto.
Saya era semplicemente l'eccezione ad ogni regola.


[[CONTINUAAAA]]
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

da Okamikage » 28 febbraio 2011, 19:42

[[CONTROLLATE LA PAGINA PRECEDENTE (11) E GUARDATE SE AVETE LETTO TUTTI I CAPITOLI!]]

La Sfinge prese Saya in bocca e la sollevò.
Dispater si sentì perso.
<<Takeshi,tieni occupato il Leone di Nemea,svelto!!! Io libero Saya!>>
Lo Yuurei obbedì.
Il Dio si parò davanti al mostro con la testa d'uomo.
Proprio un attimo prima che questo serrasse le mascelle.
Dispater conosceva un unico modo per fermarlo.
<<Sfinge! Tu che ami gli indovinelli! Ti propongo una sfida! Se troverai la risposta al mio quesito,potrai tenerti il Quarto Girone,mi ridarai solo lei indietro! -gridò quasi supplicante indicando la ragazza- Se invece vinco io,tu e quel Leone ve ne andrete!>>
La Sfinge posò a terra la fanciulla,la quale si affrettò a riunirsi alla Divinità. Era un buon segno: la creatura aveva accettato la sfida.
<<Ora ridammi quella falce e stai zitta e ferma!>> disse strappandole di mano l'arma.
Poi,prese la sua pergamena e la boccetta col sangue. Quegli oggetti misteriosi che apparivano di tanto in tanto.
Cominciò a disegnarci sopra qualcosa e,nel frattempo,pose il quesito alla spaventosa creatura.
<<Qual è quella lampada
che splende sugli uomini,
ma le fiamme la inghiottono,
e gli Warg cercano sempre di afferrarla?>>
Sulle quattro zampe possenti,la Sfinge andò un po' avanti e indietro.
Il Dio le mostrò la raffigurazione che aveva fatto sulla sua pergamena: un Sole ed una Luna posti l'uno davanti all'altro,come a formare una specie di Eclisse.
Guardando quell'immagine,l'essere gigantesco rispose.
<<Lei splende sopra ogni terra e illumina tutti gli uomini, e Sköll e Hatti sono chiamati Warg. Essi sono Lupi, uno che va dietro al Sole, l'altro alla Luna.>>
La sua voce aveva due tonalità diverse,una ruggente e l'altra calma.
<<Questo coso parla....>> notò Saya.
Dispater sorrise.
<<Brava,Sfinge. Skoll e Hati sono i figli di Fenrir,il Lupo dalle enormi dimensioni capace di divorare gli Dei.>>
Poggiò la pergamena a Terra.
Da essa vi uscì una belva nera,maestosa,possente.
Dalle zanne colava una densa saliva.
Gli occhi rossi,lo sguardo colmo d'odio.
Masticava lo scheletro di una mano.
Davanti a quella figura,la Sfinge,subito seguita dal Leone,si ritirarono.
<<Maledetto,mi hai ingannato!>>
Il Dio se la rideva alla grande.
Fenrir balzò contro quelle creature,mirando alla loro gola.
Poco,pochissimo tempo e fu tutto finito.
Il Lupo alzò fiero lo sguardo al cielo ed ululò.
Andò quindi verso Disapter.
Saya indietreggiò,intimorita dalla presenza dell'animale.
<<Sta' tranquilla. Non ti farà alcun male.>>
Anche Takeshi guardava sbalordito.

Tempo addietro,quando questa creatura terrorizzava perfino il Mondo degli Dei,questi provarono più e più volte ad imprigionarlo con catene in lega divina,ma il mostro le spezzava in continuazione,data la sua superiore forza.
Solo con uno stratagemma riuscirono a costruire tramite ancestrali e sconosciuti elementi delle catene apparentemente fragili e setose,ma impossibili da spezzare. con esse,vi imprigionarono il Lupo. Per la sua pericolosità,perfino le Divinità si rifiutavano di portargli da mangiare,nonostante fosse legato.
Solo il Dio Tyr osò tanto,ma la sua mano fu mozzata di netto dalla bestia mitica.
Sul sangue di Tyr,Fenrir giurò che se qualcuno avesse risposto ad un quesito da lui creato,i suoi figli,Skoll e Hati,sarebbero sopraggiunti per masticare le sue catene e liberarlo.
Fenrir aggiunse anche che,come segno di gratitudine,non avrebbe ucciso colui che avrebbe proposto il quesito,poiché egli avrebbe contribuito alla sua liberazione.

Quel giorno,il Lupo spiegò a Dispater che la Sfinge aveva il potere di rievocare i morti al fine di proteggere le Piramidi a lei assegnate.
Disse anche che egli sarebbe tornato accompagnato dai suoi due figli per distruggere definitivamente gli Dei che lo avevano imprigionato e portare il Chaos nell'Eterocosmos.
Avrebbe lasciato perdere la zona dell'Oltretomba come ringraziamento a Dispater per aver posto il quesito e avergli aperto,con la raffigurazione sulla pergamena,un portale dimensionale dal quale fare accesso negli Inferi.


[[CONTINUAAAAA]]
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

da Okamikage » 1 marzo 2011, 16:27

QUINTO GIRONE

<<Be'....questo non è poi così male,dài...>> disse Saya,quasi rinfrancata dal vedere i laghetti con i fiori di Ninfea galleggiare sull'acqua illuminata dalla debole luce di una strana Luna,respirare un'aria fresca e pulita.
Era tutto diverso dall'ambiente marcio del precedente Girone.
<<Mmmh...quest'atmosfera pacifica m insospettisce...>> mormorò Dispater.
Colpita nel suo ottimismo da quelle parole,la ragazza si affrettò a correggere l'affermazione precedente.
<<Sta per succedere qualcosa di terribile,vero...?>>
<<No. E' che ci sono solo delle creature capaci di portare una pace simile nell'aria...>>
Takeshi entrò in conversazione.
<<Le Ninfe.>>
Saya si sentì di nuovo sollevata.
<<Sì. Il problema è che...non so...>>
<<Amore,qual è il problema?!>>
Nell'esclamazione stridula di quella fanciulla,era apparsa una parola talmente forte da far sussultare Dispater.
L'aveva chiamato "Amore".
Accortasi di ciò che aveva fatto,lei arrossì talmente tanto da dare al suo volto un unico,intenso colore acceso.
<<Emh...-balbettò il Dio-..emh...sì...cioè...le Ninfe non...ecco...le Ninfe non possono vivere negli Inferni...cioè,non negli Inferni,volevo dire nei Paradisi...cioè,no,quello che...>>
Takeshi lo guardò malissimo.
<<Cosa diavolo stai farfugliando??? Ti sembra il momento di fare il rincoglionito?>> lo rimproverò lo Yuurei.
<<Sì...cioè,no...cioè...Saya,insomma,quello che sto cercando di dirti è che le Ninfe non possono vivere negl'Inferi. O meglio,non quelle che sei abituata a pensare tu,quelle che stanno nei laghetti e nelle foreste allegre e spensierate. Esistono anche le Ninfe dell'Oltretomba...si chiamano "Lampades",sono le compagne di Hecate,Divinità della Stregoneria,e le figlie di mia sorella,Nyx,la Dea della Notte.>>
<<Ah...e sono pericolose...?>> domandò preoccupata Chykyuu-chan.
<<Be'...no...di norma no,sono solo abitanti naturali dell'Oltretomba,come le normali Ninfe lo sono delle foreste....ma non capiscano perché abbiano voluto prendere possesso di questo posto...forse cercavano solo di preservarlo da eventuali pericoli e...oh,eccone una laggiù,Saya.>>
La ragazza seguì la direzione indicata dal dito del Dio.
C'era una giovane donna seduta vicino ad un laghetto,che giocava con una Ninfea.
Metà del suo corpo era immerso nell'oscurità,si era sistemata in un punto dove la luce lunare non ce la faceva ad arrivare completamente.
Quando si accorse della loro presenza,con calma si voltò a guardarli.
...
.....
......
La mezza zona rimasta coperta dalle ombre si fece visibile.
Purtroppo.
Era come se le fosse stata strappata della carne,le ossa erano messe in risalto ancor di più dalle strisciate di sangue e pelle stracciata.
Fece un sorriso,un sorriso che sembrava più un augurio di Morte che un gesto di benvenuto.
Freddo,lento.
Altre Lampades apparvero dal nulla.
<<Sta' calma,Saya. Ci penso io.>> rassicurò Dispater.
Il Dio si avvicinò ad una di loro,e la guardò dritta nell'unico occhio che quelle semidee avevano.
Dall'alto in basso,come si addice ad una vera Divinità.
I due si parlarono per un po'. Nel frattempo,le altre aspettarono immobili.
Dispater tornò dai suoi compagni.
<<Bene! Tutto risolto!>>
<<Tutto risolto...cosa? Ci lasciano andare?>>
<<No!>> scattò sorridente il Nume.
<<No?!>> ripeté sbalordita la ragazza.
<<No! Non piaci loro,ragazza mia! Ti voglio strappare le membra a morsi! In effetti,ora che ci penso,mi ero scordato di dirti che queste cose mangiano di tanto in tanto qualche essere umano.>>
Una Lampades afferrò Saya da dietro e le morse una guancia,tirando via un lembo di carne.
Del sangue uscì copiosamente,accompagnato da un grido di dolore.
Il Dio tagliò di netto la testa alla Ninfa.
Sul volto della ragazza si vedeva bene una parte del suo stesso teschio. Il morso era profondo.
<<Uh...piccola Saya,se ti fai togliere anche il resto del volto,assomiglierai a me!>>
Dispater si soffermò un attimo a pensare alla sua stessa immagine. Rabbrividì.
<<Mmmh,no,meglio di no,non credo mi piacerebbe poi tanto. Ho deciso! Ti curerò!>>
La fanciulla piangeva per il dolore.
<<Su,su,niente storie,tra un po' è tutto passato!>>
Le fece scorrere la sua mano scheletrica sulla ferita e,in un attimo,tutto fu come nuovo.
<<Visto? Meglio d'un chirurgo plastico!>> esclamò soddisfatto il Dio <<E anche più economico!>> si affrettò ad aggiungere.
Lei lo guardò male,poi si diresse verso il resto delle creature che stava velocemente avanzando nella sua direzione.
Ne afferrò una per la gola e la fissò dritta in faccia.
<<Chissà se posso ricambiare il favore?>> digrignò furiosa.
Takeshi la osservava immobile.
<<Che vuole fare?>>
Saya affondò i denti nella parte viva della creatura,portando via una copiosa parte di tessuto epidermico,tendini e nervi.
Poi,masticò voracemente.
Quella carne non le sembrò neanche poi così male,aveva il sapore forte della Vendetta.
Qualche pezzo era duro a masticare,ma tuttavia la studentessa riuscì ad ingoiare tutto.
Le altre Ninfe si bloccarono davanti a un simile spettacolo.
Le predatrici erano diventate prede.
Saya assestò un altro morso,stavolta nella parte centrale del braccio,alla creatura sorpresa e dolorante.
Fece sprofondare talmente tanto i denti,che arrivò a toccare l'arteria brachiale.
Tiro su una buona boccata di sangue.
Aveva un sapore stranamente dolce.
<<Amo quella ragazza!>> esultò soddisfatto il Dio.

La terra tremò.


[[CONTINUAAAA]]

Aggiunto dopo 3 ore 3 minuti:

Le Lampades si dileguarono.
Takeshi cercò la fonte di quelle scosse di terremoto,ma non vedeva niente.
Si alzò un grande polverone.
Anche Saya sembrò riaversi dal suo scatto collerico.
<<Cos'altro succede Dispater?!>>
<<Non lo so! Restiamo uniti!>>
I tre si strinsero spalla contro spalla,in modo da coprire tutti gli angoli visivi.

Calma improvvisa.
La polvere si diradò velocemente e,mentre il campo visivo tornava ad essere limpido,l'ombra di indefinibile di due creature enormi e una più piccola apparvero gradualmente.
Dispater scostò indietro Saya.
Lasciò cadere il suo mantello,mettendo in evidenza due grandi ali dalle piume nere e robuste.
La ragazza ne rimase inizialmente affascinata,ma Takeshi le lanciò un'occhiata d'avviso.
Il fatto che il Dio avesse tirato fuori quella parte del suo corpo,significava che si sentiva egli stesso minacciato.
Ma questo,la fanciulla non poteva saperlo.

Ed ecco finalmente rivelate le identità di quelle creature.
Davanti a Saya,un imponente cane con tre teste,occhi vuoti e zanne decisamente più lunghe del normale. Cerberus,il Guardiano Supremo dell'Aldilà.
Di fronte a Takeshi,una specie di enorme drago senza ali,con nove protuberanze rassomiglianti a dei serpenti che spuntavano dal corpo,sguardo languido. Dalle sue bocche colava un liquido letale. Hydra.
E infine,faccia a faccia con Dispater,Akem Manah,il sovrano assoluto Zoroastriano del Male,patrono della violenza.
Eterno rivale del Dio degl'Inferi.
<<Cosa ci sei venuto a fare qui? Non ti trovavi più bene con gli altri Dei?>>
Akem rimase in silenzio. Non una risposta,non il minimo accenno di emozione.
Dispater alzò lo sguardo verso i due mostri.
<<Erano le Guardie poste al Settimo Girone,servivano a impedire l'accesso all'Ottavo,ossia la Cerchia degli Assassini Seriali. Erano gli unici che potessero badare anche che quegli sputi dell'umanità non tentassero di scappare e seminare il Chaos. Sono malvagi per natura,Akem deve aver sfruttato la loro cattiveria per condizionarli e farli spostare dalla loro posizione di guardia. Questo vuol dire che l'Ottavo Girone è libero ora e,in una situazione come quella di adesso,sarà facilissimo per loro andarsene.>>
<<Sagge parole,Dispater.>>
Finalmente si era deciso a parlare.
<<Saya,sei abbastanza forte da vedertela con quel cane. Tu,Takeshi,prenditi cura dell'Hydra. Io ho un po' da fare con il mio collega.>>
Nessuna parola da aggiungere.
Dispater spiccò il volo,falce spiegata,e si gettò contro Akem Manah a tutta velocità.
Appena i corpi dei due si toccarono,scoppiò un forte rombo,seguito da un freddo terribile.
Il Samurai chiuse gli occhi e recitò qualcosa tra sé e sé.
<<Si colpiranno i fratelli
e l'un l'altro si daranno la Morte;
Crudo è il Mondo,
grande l'adulterio.
Tempo d'asce, tempo di spade,
gli scudi si fenderanno,
tempo di Venti, tempo di Lupi,
prima che il Mondo crolli.
Neppure un uomo
un altro ne risparmierà. >>
Saya lo fissò con la coda dell'occhio,non se la sentiva di staccare lo sguardo da Cerberus.
<<Giovane donna,è arrivato il Fimbulvetr....>>
<<Cos'è?>> chiese con voce bassa e rassegnata la ragazza.
<<E' il violento e sanguinoso Inverno che precede quella che le antiche popolazioni nordiche definivano come...>>
Ragnarok. La fine del Mondo. La battaglia che non avrebbe risparmiato nemmeno gli Dei.


[[CONTINUAAAA]]
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

da Okamikage » 1 marzo 2011, 18:58

Cerberus e Hydra partirono all'attacco.
Il cane tentò un primo morso con la testa centrale,ma la ragazza lo aveva previsto e si fece da parte con una capriola.
Un solo,singolo morso e sarebbe stata la fine.
Senza perdere tempo,Cerberus usò un'altra delle sue teste per attaccare,e la fanciulla fu costretta a portarsi esattamente sotto la pancia del tricefalo.
Vide di sottecchi Takeshi tagliare le teste all'Hydra,poi bruciarne i moncherini accumulando energia sulla punta della sua spada,creando così dei piccoli tizzoni.
Era un ottimo modo per evitare che le teste di quella bestiaccia ricrescessero.
Aveva lasciato intatta solo quella centrale : era l'unica immortale.
Lo Yuurei avrebbe dovuto trovare un altro modo per sopprimere l'Hydra,ma intanto aveva ridotto drasticamente le possibilità di essere colpito da una delle altre teste.
Cerberus provò a girarsi su se stesso per cercare Saya.
Lei assecondava i suoi movimenti,tenendosi ben nascosta sotto lo stomaco del mostro.
Gli occhi del cane improvvisamente comparvero : la stava guardando,immobile.
Ringhiò con tutte le teste.
A sorpresa,fece una capriola anch'egli,causando un forte spasmo del suolo.
Aveva copiato la tecnica della ragazza!
Così,ora lei era di nuovo allo scoperto.
Si rialzò subito e,abbaiando,tentò un nuovo assalto.
Se sapeva imparare da ciò che vedeva,non sarebbe caduto due volte nella stessa trappola.
Inoltre,era troppo più grande per girarsi indietro e fuggire.
Le sarebbe stato addosso con un solo salto.
Tutto accadeva tanto,troppo velocemente.

Il mostro cadde a terra.
Dispater gli era piombato sulla schiena,e gli aveva conficcato la lama della falce nel collo.
<<E' peggio che stare su un cavallo dopato di un Rodeo!>> gridò salutando Saya da quella posizione.
Lei gli mostro un ampio sorriso e gli mandò un bacio.
<<Se finisci presto,quando scendi te ne do uno vero!>>
I bulbi oculari luminosi del Dio sembrarono andare letteralmente in fiamme all'udire quelle parole.
<<Yuuu-huuuu!>>
Costrinse il cane a saltare addosso all'Hydra,schiacciandola col suo peso.
Poi,curvò la falce e ci si appese,scendendo rapidamente e squarciando il collo dell'animale.
Quando fu a terra,dovette evitare il crollo della testa che gli aveva appena tagliato.
Lancò la sua arma contro le altre due,facendo far loro la stessa fine della prima.
L'incubo era finito.
Takeshi sospirò.
<<Ha ucciso tutte le creature del Sesto Girone,non ci sarà bisogno di andare là.>> lo rassicurò il Dio.
Mostrò con un cenno il corpo senza vita del suo rivale. Era ridotto ad una poltiglia indistinguibile di sangue e viscere.

Si diresse verso la ragazza,la quale gli corse incontro abbracciandolo.
Felice come non mai,Dispater chiese il meritato premio.
<<Me lo dai questo bacio allora?>>
Lei sorrideva,esplodeva di gioia.
Restò immobile.
<<Piccola Saya,guarda che me l'hai promesso! Se non me lo dai tu,te lo do io,poi non darmi del pervertito!>>
.....
<<Saya...?>>
Un rivolo di sangue colò dalla bocca della ragazza.
Il suo sguardo cominciò a spegnersi.
Dispater sentì il suo corpo pesante.
<<Saya...? Saya....Piccola mia...?!>>
Il suo sorriso cambiò in una pura espressione di terrore.
Un terrore che poteva spaventare a morte anche una Divinità come lui.
Furono dei flash quelli che seguirono.
Takeshi che aveva infilzato un braccio del Dio del Male,
Il pugnale conficcato nella schiena della ragazza.
Le parole dello Yuurei.
<<Si è mosso da solo,ho provato a fermarlo,ho provato a fermarlo!>>
Rimbombava tutto.
Dispater udiva solo le sue stesse,meccaniche frasi.
<<Saya...piccola mia?! Rispondi....Rispondimi...>> si accasciò insieme a lei,continuando a chiamarla.
La sua dolce Saya era un essere umano. E non bastava poi tanto per ucciderla.
<<Saya...?! SAYA!!! RISPONDIMI!!! RISPONDIMI,SAYA,NON LASCIARMI,NO,RISPONDI,RISPONDI,RISPONDI!!!!>>
Ma lei era morta.
Morta con lo sguardo del suo Dio,l'unico che avesse mai venerato,nella mente,stampato col fuoco negl'occhi.
Quegl'occhi che ora erano spenti,ma sembravano cercare ancora un bacio che non avrebbe avuto mai.
Fimbulvetr. L'inverno violento che non avrebbe risparmiato nemmeno gli Dei.


[[CONTINUA]]
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Addio,Saya

da Okamikage » 1 marzo 2011, 23:07

Dispater era chino sul corpo senza vita della ragazza.
Piangeva,piangeva come un disperato,quelle che uscivano dai suoi occhi non erano lacrime,erano fiumi di morte e distruzione.
Accarezzava con la mano scheletrica il volto della ragazza.
<<No...NO,NO,NO!!! NO,CAZZO,PICCOLA MIA,RITORNA,RITORNA!!! LO SO CHE STAI SCHERZANDO,TI VUOI VENDICARE DI ME PERCHE' COSTRUISCO ARMI CHE FANNO CILECCA,PERCHE' CI HO PROVATO TANTE VOLTE CON TE,PERCHE' SONO UNO STRAMALEDETTO PERVERTITO! DIMMELO ANCORA,CHIAMAMI ANCORA "PERVERTITO"!Ti prego....Amore mio,ti prego..senza di te,io non sono un Dio,io non sono vivo,io non sono nient'altro che un'ombra tra le Ombre di questo maledetto posto!Svegliati,Amore,svegliati....SVEGLIATI!!!!>> alzò lo sguado al cielo,e gridò così forte che tutto l'Oltretomba tremò della sua rabbia.
Takeshi lo afferrò forte per le spalle e cercò di tirarlo via.
<<Lasciala andare,Dispater,è morta! Lasciala andare!>>
Lui se lo scrollò di dosso,appoggiò le sue labbra inesistenti su quelle di Saya,alla ricerca di quel calore di cui era tanto geloso,alla ricerca di quell'Amore impossibile che era disposto a vivere contro ogni legge. Ma trovò solo il bacio puro e assente della Morte...
<<Takeshi -provò a dire tra i singhiozzi,che quasi lo soffocavano-...io la riporto in vita.>>
<<No! Non puoi,non ti è permesso!>>
<<Chi...se...ne...frega...>>
<<Non fare idiozie! Non otterresti nessun risultato e moriresti anche tu per aver provato a violare una regola del Codice degli Dei! Lei è morta,Dispater,e morta rimarrà,indipendentemente dalla tua volontà!>>
<<LA MIA VOLONTA' E' SUPREMA!!>>
Quello non era più un Dio,non era neanche l'ombra di un Dio.
Se fosse stato un essere umano,sarebbe già morto di crepacuore,e forse lui l'avrebbe preferito,e rimpianse di non avere un cuore che si potesse fermare.
Estrasse la sua pergamena.
Vi scrisse col solito inchiostro di sangue.
Dipinse un simbolo strano,con tanti pianeti uguali ed un cerchio in mezzo a loro.
Non stava cercando di riportare in vita Saya.
Stava evocando qualcuno.

Dietro di lui,silenzioso,comparve Chaac.
Dispater se ne accorse.
<<Amico mio...>> disse sommessamente il Dio Maya.
<<Che sei venuto a fare?>>
<<A darti una buona notizia.>>
Dispater sorrise sprezzante.
<<Una buona notizia? Per me,anche se ora questo posto finisse in malora,non mi potrebbe importare di meno. Ma ascolterò comunque quello che hai da dire.>>
<<La Nona Cerchia è entrata in azione contro l'Ottava. I Coraggiosi hanno fermato gli Assassini. Non dovrai preoccuparti di quelli.>>
<<Non me ne sarei preoccupato comunque.>>
<<E...Dispater...>>
<<Cos'altro c'è?>>
<<Sai bene cosa succede agli umani che muoiono negl'Inferi. La loro Anima,che è usata come patto per poter viaggiare in questo luogo proibito,viene distrutta. Saya non...>>
<<Lo so.>> interruppe piano lui.
<<Dispater. Se potessi dare la mia vita per lei,lo farei.>>
<<So anche questo. E ti ringrazio. Però ora vattene. Porta via Takeshi con te.>>
Alzandosi,Chaac vide il simbolo disegnato sulla pergamena,e capì immediatamente quello che Dispater voleva fare.
Andò verso di lui,e gli sussurrò qualcosa.
<<Quel sangue è della Dea Infernale degli Eventi,vero?...Vanth.... Sei stato un grande Dio,e lo sarai sempre,indipendentemente da quello che accadrà. Fa' quel che è giusto.>>
Lui annuì,lento. Forse,nemmeno aveva capito le parole che il mezzo rettile gli aveva sussurrato.

Chaac si recò da Takeshi.
<<Vieni con me,Anima Coraggiosa.>>
<<Dove mi porti...? Io voglio restare con lui...>> rispose il Samurai,guardando preoccupato Dispater.
<<No....ti porto a casa tua...nella Nona Cerchia...o come la chiameresti tu..."Yuurei no Kokumin".>>


[[MANCA SOLO UN CAPITOLO! PRONTI PER IL GRAN FINALE?? SARA' PUBBLICATO DOMANI ENTRO LE 15.00!!!!]]
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

The end

da Okamikage » 2 marzo 2011, 15:00

Erano rimasti soli,lui e Saya.
Il Dio degl'Inferi ed una morta senz'anima.
Saya.
Il freddo Fimbulvetr continuava a farsi sentire,segno che gli scontri non erano ancora finiti.
Ma questo non era più un problema di Dispater.
Non più...

Dal simbolo dipinto sulla pergamena si aprì un vortice nel terreno.
Una Dea dallo sguardo calmo e rilassato comparve davanti a Dispater.
Lo guardò un po',poi si decise a salutarlo.
<<Ciao,ragazzo. Come stai?>>
Lui la fissò a sua volta.
Poi indicò con un'occhiata la ragazza.
<<Come ti sembra che stia?>>
Vanth,la Divinità Etrusca Infernale che ha il potere di controllare gli Eventi.
Non veniva mai evocata,mai era richiesto il suo aiuto,poiché i suoi poteri avevano la forza di stravolgere il Tempo e cambiare il Destino.
Il Destino inteso come corso di scelte e di accaduti.
Ma agire su di esso,significava stravolgere il regolare andamento della vita di tutti.
Essa era forse la più potente delle Dee.
<<Vedo che il mio sangue ti è stato utile...>>
<<Sì. Mi è stato utile. Ma ora ho un favore da chiedere direttamente a te. E ti prego di esaudirlo.>>
Lei sospirò.
<<Non si può riportare in vita...>>
Ma Dispater la interruppe.
<<Lo so,lo so che non si può,e non è questo che ti sto chiedendo. Quello che voglio,è che tu faccia sì che sia lei la Dea degl'Inferi al posto mio. Fai 'sì che lo sia sempre stata.>>
Vanth rimase in silenzio per un po'.
Pensava a cosa avrebbe comportato una cosa simile.
Espresse quindi il suo parere.
<<Dispater,siamo ottimi amici,e tu lo sai. Ma ti rendi conto che così facendo,lei prenderà il tuo posto nel Mondo e nell'Eterocosmos? In poche parole,è come se tu non fossi mai esistito,nessuno si ricorderà di te,neppure la piccola Saya. Poi,questo,potrebbe avere ripercussioni anche sulla Guerra che sta avvenendo tutt'ora,e...>>
<<Ti offro la mia vita,devi solo cambiare un particolare. Lei prende il mio posto. Che si ricordi di me o no,non fa differenza. Non ha senso che io esista se la mia piccola...è....>>
<<Darai quindi tutto quello che hai per lei?>>
<<Tutto e di più.>>
Ancora silenzio.
<<Non so che piega potranno prendere gli eventi,ma...d'accordo,non penso che ci saranno conseguenze poi così catastrofiche...e..preferisco vederti morto che in questo stato.>>
Il Dio avvolse le sue enormi ali nere attorno al corpo di Saya,come in un abbraccio protettivo che voleva costringere il suo cuore a battere ancora,a battere per lui.
La fissava negli occhi spenti.
<<Fallo,Vanth. Fammi sparire per sempre dalla mente di tutti,cancella la mia esistenza e fai in modo che sia lei a prendersela.>>
Le parole incomprensibili che disse la Dea risuonarono come una dolce poesia nelle orecchie di Dispater.
Piano piano,lui spariva.
Piano piano,il Tempo tornava indietro.
Come un vortice nel quale tutto si mescolava,il Presente tornò.



Saya,la Dea degl'Inferi,era seduta sull'argine di un fiume. Fissava il Tramonto.
Accanto a lei,c'era Takeshi.
<<Ancora non capisco perché sei voluta venire in questo buco corrotto che è la Terra.>>
<<Dico,Takeshi,hai visto che casino sta succedendo laggiù?>>
Lo Yuurei pensò un attimo alla situazione del Mondo degli Dei.
Annuì.
<<In effetti,hai proprio ragione! Inoltre,credo che Krònos si sia alleato con Fenrir e i suoi due figli.>>
Saya sorrise.
<<Quel Titano aveva detto che se ne sarebbe stato buono buono nelle profondità della Terra,dopo che l'avevi liberato per farmi riottenere l'immortalità.>>
<<Già...se devo essere sincero,non è che poi mi interessi molto di quello che accadrà alle Divinità...sai...non ho molta simpatia per loro.>>
<<Grazie.>>
<<Tranne che per te,s'intende.>>
<<La tua ragazza potrebbe essere gelosa.>> scherzò Saya.
<<Athena? Hai ragione. Ma sa bene che lei è sopra a tutto e a tutti.>>
La Dea dell'Oltretomba guardò serenamente il cielo,una nuvola stava prendendo una strana forma.
<<Takeshi,tu la proteggerai sempre,vero..?>>
<<Certo. Perché non dovrei? Specialmente ora che è uno Yuurei come me!!>> disse sghignazzando.
<<Già,a proposito...non vorreste andare nel Nono Girone a godervi l'Eternità?>>
Il Samurai sbuffò.
<<Puah..la Yuurei no Kokumin è un posto noioso,non c'è mai niente da fare! Preferiamo aiutare te!!!>>
<<Ahah...ve ne sono molto grata.>>
<<Be'...è ora di tornare negl'Inferi,no? dobbiamo ripulire tutto lo sfacelo che quelle bestiacce hanno fatto!>>
La nuvola che Saya fissava,aveva preso la forma di un sorriso calmo e rasserenante.
Alla Dea ricordò vagamente qualcosa,ma non sapeva esattamente cosa.
<<Takeshi...?>>
<<Sì?>>
<<Chi è stata la Divinità degl'Inferi prima di me?>>
<<Hades...dovresti saperlo meglio di me.>>
<<Sei sicuro?>>
<<Sì..perché?>>
<<....>>
Lo Yuurei interruppe Saya.
<<Hades e tu,siete stati gli unici. Te lo assicuro. Non è mai esistito nessun altro Dio che abbia regnato sull'Oltretomba.>>
Forse Takeshi aveva ragione.
Ma allora,di chi era quel sorriso tanto pacifico e pieno di gioia che quella nuvoletta ricordava a Saya....?

EPILOGO

E così,gli Eventi erano cambiati,seppur minimamente.
Dispater non era mai esistito,quindi nessuno poteva ricordarsi di lui,nemmeno Takeshi.
Saya era la Dea degl'Inferi al posto suo,e questa era la normalità per tutti.
Fenrir,Skoll,Hati e Krònos stavano distruggendo il Regno degli Dei. Si era scatenato il Ragnarok,e presto anche la Terra ne avrebbe risentito.
......
Ma se la ragazza aveva rimpiazzato il Dispater nell'Eterocosmos...
Chi aveva rimpiazzato lei sulla Terra??

TERRA,UNIVERSITA' DI OSAKA (GIAPPONE)

Un ragazzo dall'aspetto misterioso se ne stava seduto ad un banco in mezzo a tanti.
Il suo compagno di sedia gli chiese se egli credesse nel paranormale.
<<Credo che esistano essenze oltre la nostra immaginazione,seppur sempre sottoposte a determinate leggi naturali.>> rispose lui con calma.
<<Ottima risposta! Com'era il tuo nome? Temo di averlo scordato...>>
<<Non l'hai scordato,semplicemente non te l'ho detto....mi chiamo Chaac....>>



[[ FINE ]]

GRAZIE PER AVER LETTO "YUUREI NO KOKUMIN"
SPERO VI SIA PIACIUTA!
ADESSO SONO APERTE LE DOMANDE,SE NON AVETE CAPITO CHI E' QUALCHE PERSONAGGIO DELLA STORIA O QUALSIASI ALTRA DOMANDA ANCHE NON ATTINENTE AL RACCONTO STESSO,VI PREGO DI PORMELE E SARO' FELICE DI RISPONDERE!!!
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Extra Contents

da Okamikage » 2 marzo 2011, 16:18

Bene!
E dopo aver concluso la Storia (Inizio a PAGINA 1, fine a PAGINA 12),è l'ora del promesso Post Extra con alcune,piccole curiosità sulla stessa.
Come ho già spiegato,se avete anche domande che non riguardano la Storia stessa,vi prego di pormele comunque,sarò felice di rispondere a tutto ciò che mi sarà chiesto.

Partiamo dal titolo[/].

"Yuurei no Kokumin" significa letteralmente "Nazione degli Spiriti".
Questo termine è usato all'interno del racconto da Takeshi per indicare il Nono Girone degl'Inferi,ossia laddove risiedono le Anime dei Coraggiosi che vengono premiate eternamente per la loro condotta durante la vita.

[b]Dispater
(talvolta chiamato "Dis Pater" o "Dite") era una Divinità degl'Inferi celtica,paragonabile all'Ade dei Greci. "Dispater" suonava molto meglio che "Dite",no??? XD

Chaac era il Dio Maya dei tuoni e della pioggia,raffigurato come un rettile antropomorfo con un grande naso e dotato di un'ascia fatta di luce. In questo racconto,egli è anche il creatore degli Uccelli del Tuono,anche se nella Mitologia non era così.
Questi ultimi,infatti,erano grandi volatili sacri che divoravano particolari mostri mangiauomini.
Alcuni paragonano il loro avvistamento ai tempi delle civiltà precolombiane ad alcuni Pterodattili sopravvissuti all'estinzione.
Un'altra curiosità,è che "Chaac" è il soprannome di Okamikage.

Le Cenotes sono delle grotte con presenza d'acqua dove alcuni sostengono vivessero degli Dei come Chaac. Esse sarebbero state anche il passaggio per l'Aldilà (infatti,in questo racconto Chaac dice di venire dalle Cenote,che sono questi attraversamente ultradimensionali).

Benché si tenda ad unificare i concetti di "Oltretomba" ed "Erebo",in questa storia essi sono due posti ben distinti : l'Erebo è stato descritto come una specie di anticamera infernale,che precede l'entrata al vero Aldilà. Mi piaceva di più così XD

Il Tartaro è il luogo dove Zeus rinchiuse i Titani.
Ho dato un'accezione tutta mia al Tartaro : esso è,nella mia storia,un Girone Extra dove riposano le Anime degli Dei morti,e dove Krònos è stato confinato.
Al centro di esso,ho voluto far sorgere un grande Melograno. Il luogo è vigilato dagli Uccelli del Tuono. Mi ispirava u_u

Nemesis è una figura solo citata.
In "Yuurei no Kokumin",essa è descritta come la Divinità che aveva insegnato a Dispater ad usare i sentimenti vendicativi.
Nella mitologia greca,Nemesis rappresenta la Giustizia Divina e la Vendetta.

Il Fujiyama,il luogo dove Takeshi trova i papiri,è il monte più alto del Giappone.

Ci doveva essere in verità un Capitolo dove Takeshi,Dispater e Saya accedevano all'Ottavo Girone,quello dei Serial Killer. Sarebbe stato qui che Saya avrebbe dovuto morire.
Ho tagliato questa parte.

Tutto è stato scritto prendendo spunto da nomi e ruoli di Divinità e figure mitologiche,anche se ho apportato tantissime modifiche (come agli Tsuchigumo o agli Oni,ma anche a Dispater,alla Sfinge di Giza,a Vanth,e a tuttu gli altri) personali e puramente di fantasia.
Se avete domande sui reali aspetti delle figure mitiche,vi prego di chiederle.

Ecco qui di seguito un piccolo disegno che ho fatto personalmente di Saya e Dispater XD
Ho raffigurato Saya con una maschera sul volto.
E,se guardate sullo sfondo,si può notare il volto di una Lampade.




Immagine[/img]
Ultima modifica di Okamikage il 20 dicembre 2011, 20:09, modificato 2 volte in totale.
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

RE: Yuurei no Kokumin-Una quotidiana storia di Demoni

da Okamikage » 2 marzo 2011, 18:25

Grazie a tutti,ai miei tre lettori/commentatori di fiducia in particolare...

gio98,tu sei stato il primo a commentare questa storia e l'hai seguita fino in fondo!

SarArya,mi è piaciuto tantissimo vedere come ti eri attaccata a Saya,è stato un dolore doverla far morire in quel punto e pensare a te che molto probabilmente mi avresti voluto uccidere,ma poi vedi che è finito tutto "bene"...? ;)

Elva97,anche tu hai una simpatia enorme per Saya,ma non ho capito perché pensi sia morta definitivamente...hai letto il resto della storia a pagina 12,vero...? Lei diventa la nuova Dea degl'Inferi...XD
Forse ti sei persa proprio le parti finali. =)
Comunque hai sempre commentato in maniera molto ampia e completa!

Grazie ragazzi!!!!
E grazie anche agli altri lettori!

-Okamikage-
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

Chiarimenti sul Finale

da Okamikage » 3 marzo 2011, 11:27

Grazie mille,scriverò già da oggi qualcosa di nuovo,e ho in mente una cosa particolare,però prima devo chiedere il vostro consenso! ^^

poi lei non avra tutta questa smania di potere e non libererà Kronos quindi resterà umana, poi si salveranno non ha ancora progettato bene come ma il problema la troveranno sulla terra


Dal momento che Saya viene descritta come Dea,lei ha già RIVISSUTO tutto quello ha passato Dispater,solo senza l'aiuto di nessun essere umano!! Se rileggi proprio l'ultimo pezzo,ti dice che è stato Takeshi a liberare Krònos per restituire l'immortalità a Saya (dal momento che Vanth ha fatto in modo che la ragazzina prendesse il posto del Dio,ha sconvolto inevitabilmente anche il corso della azioni compiute da altri personaggi). Dalla conseguente azione di Takeshi,ne è derivato che anche Athena è sopravvissuta,e infatti sta con il Samurai. Hai invece ragionissima a dire che il problema vero sarà sulla Terra!! Dal momento che Takeshi,sempre nell'ultimo pezzo della storia,dice a Saya che le cose negl'Inferi erano state risolte,aggiunge che invece non lo erano nel Regno degli Dei,e che presto tutto il Mondo sarebbe andato incontro ad una disfatta totale. Precisa che è cominciato il Ragnarok,che secondo la mitologia norrena sarebbe la caduta di Odino,la disfatta del Mondo e la sua ricostruzione. :)

Inoltre,una piccola cosa a difesa di Dispater ^^ Il fatto che agisse da pervertito,era solo perché lui,sin dall'inizio era attratto da Saya,dato che aveva visto in lei qualcosa che trascendeva l'essere umano ^^ (Dispater fa il "pervertito" solo con lei infatti,non mira a nessun'altra)
I suoi atteggiamenti,talvolta esagerati,li ho messi solo in modo da provare a far sorridere un po' i lettori,spero di esser riuscito anche in questo intento!
Immagine
My Stories on this Forum:
-"Yuurei no Kokumin"
-"Haunting Dreams"
-"Atarashi no Yoake : Saya Gaiden!"
Avatar utente
Amico dei Draghi
Amico dei Draghi
 
Messaggi: 196
Iscritto il: 25 gennaio 2011, 0:00
Località: Toscana
Sesso: Maschio

PrecedenteProssimo

 


  • Argomenti correlati
    Risposte
    Visite
    Ultimo messaggio
Chi c’è in linea
Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron
CHIUDI
CLOSE